| Login
 
mercoledì 27 luglio 2016
Kefir
 Richiedici il Kefir Riduci

Chiunque fosse interessato a ricevere gratuitamente a casa il kefir d'acqua può richiedercelo scrivendo un email al seguente indirizzo

ass.larca@aliceposta.it

Il kefir vi verra spedito tramite corriere exspresso con a vostro carico solo ed esclusivamente le spese di spedizione.

 

 

 

 

 



 Stampa   
Kefir d
Il Kefir d'acqua
 Dosaggio Riduci

  • Per i nervi: 1 litro al giorno
  • Ulcera: 1 litro al giorno (dopo 2 mesi l'ulcera scompare)
  • Asma e catarro bronchiale: 1 litro al giorno (per l'asma occorre più tempo)
  • Leucemie: 1 litro al giorno in casi gravi 2 litri (dopo 3 mesi il sangue si normalizza)
  • Sclerosi: 1 litro al giorno (normalizza la pressione e il peso corporeo)
  •  Foruncoli ed eczemi: 1/2 litro al giorno (si può massaggiare anche esternamente sulla parte interessata, la pelle si normalizza dopo 2/4 settimane)
  • Cistifellea: 1 litro al giorno (da 2 a 6 mesi la guarigione)
  • Catarro della vescica: 1 litro al giorno, così anche per i reni


I fermenti raddoppiano il proprio volume in circa 24 ore di incubazione. Bisogna bere il Kefir ogni giorno, esso non disturba la digestione poiché viene assimilato dal sangue con estrema rapidità. Il suo gusto è frizzante e dolce come mosto, leggermente alcolico e perfettamente digeribile. Le proprietà regolatrici e terapeutiche del Kefir d'acqua sono ancora superiori a quelle del Kefir di latte, meno vicino ai gusti occidentali.

Il Kefir fermentato 24 ore è lassativo, mentre quello con oltre 48 ore di fermentazione è astringente, ideale per le diarree.

E' consigliabile l'uso di Kefir con un massimo di 72 ore di fermentazione, poiché oltre il tempo indicato, esiste la possibilità, in determinate condizioni ambientali, di inquinamento batterico del preparato. In condizioni di quasi sterilità ed operando in ambiente quasi asettico è possibile spingere il processo di fermentazione fino ad un massimo di 7-10 giorni.


 Stampa   
 Il kefir d'acqua Riduci

Kefir, prodotto tipico delle regioni caucasiche caratterizzate dalla longevità dei propri abitanti. Il Caucaso è l'unica regione del mondo dove la popolazione ha una tale alta quota d'invecchiamento in buona salute. Questa bevanda, molto simile per principi attivi allo yogurt, ha delle proprietà terapeutiche molto interessanti e spesso viene usato come antinfiammatorio naturale e come regolatore della digestione. Inoltre, ha un ottimo sapore!


Secondo il premio Nobel Metchnicov, il kefir sarebbe in grado di guarire il catarro delle vie respiratorie, i crampi allo stomaco, le infezioni intestinali croniche e del fegato, i disturbi alle vie biliari e alla vescica. Alcune malattie, come la tubercolosi, il cancro, sofferenze dello stomaco ecc ecc, sono in quel paese praticamente sconosciute. In Germania, ancora prima della seconda guerra mondiale, fù il dottor Drasek a constatare i rari effetti positivi di questo estratto naturale. Esiste un Kefir di latte e un Kefir d'acqua. Le proprietà terapeutiche e regolatrici del kefir d'acqua sono superiori a quelle del kefir di latte, meno vicino al gusto di noi occidentali.
I fermenti di Kefir che si trovano in Italia sono di origine caucasica. Si possono acquistare presso importatori di prodotti tipici delle zone del Mar Nero e Mar Caspio ed anche presso importatori alimentari turchi o bulgari. A volte grosse erboristerie possono reperirli su ordinazione. Il loro prezzo è molto basso.
I fermenti Kefir non sono altro che batteri, quando si trovano nelle giuste condizioni ambientali (calore, presenza di zuccheri, ecc.) si riproducono a un ritmo molto elevato. Con condizioni di temperatura quali quella ambiente (18-25 gradi centigradi) essi raddoppiano il loro numero e quindi il loro volume in circa 24 ore. In questa situazione parecchi di essi muoiono ma questi vengono prontamente sostituiti da nuovi micro organismi. Come tutte le colture batteriche esistono dei seri problemi di contaminazione da parte di altri batteri nocivi presenti nell'ambiente casalingo, che per pulito che sia, non è asettico. Quindi conviene cambiare abbastanza frequentemente tutta la coltura di batteri Kefir, in modo da evitare gravi degenerazioni batteriche e seri problemi per la nostra salute.


 Stampa   
 Proprietà del Kefir d'acqua Riduci

Le regioni caucasiche sono uno dei rarissimi posti al mondo dove gli abitanti vivono fino a raggiungere età molto avanzate, conservandosi in piena salute ed efficienza fisica. In questi luoghi si conoscono molto bene e da centinaia di anni gli effetti benefici del Kefir. Già dalla più tenera età i bambini fanno uso frequente e continuo di Kefir ed arrivano, da adulti, ad una età media ragguardevole. Alcuni studiosi di fama internazionale hanno dedicato gran parte della loro vita allo studio del Kefir :
  • Il Prof. Drasek, medico tedesco, ha confermato scientificamente l'effetto prodigioso del Kefir ancor prima della grande guerra.
  • Il Prof. Menkiv, studioso di biologia, afferma che gli abitanti del Caucaso non conoscono, tra l'altro, la tubercolosi, il cancro ed i disturbi intestinali.
  • Il Prof. Ilya Ilyich Metchnikov, premio Nobel, ha appurato che con il Kefir si guarisce il catarro delle vie respiratorie, i crampi allo stomaco, le infiammazioni croniche intestinali e quelle al fegato, i disturbi alle vie biliari e le malattie alla vescica.

Nell'assistenza all'infanzia il Kefir può essere usato come coadiuvante del latte materno, anche contro allergie cutanee dei neonati; durante la gravidanza allevia i disturbi femminili al basso ventre poiché è fortemente anti infiammatorio.
Esistono possibilità d'uso del Kefir anche nella cura di : malattie dei nervi, ulcere interne, catarro bronchiale, sclerosi varie, infarto del miocardio, biliosi, malattie del fegato, dei reni, dello stomaco, itterizia, diarrea, stitichezza, anemia, leucemia, allergie varie ed eczemi. Inoltre il preparato è particolarmente indicato per la regolazione del ciclo mestruale, durante la convalescenza dopo interventi chirurgici impegnativi e gravi malattie. L'azione benefica del Kefir è essenzialmente quella di evitare la putrefazione nell'intestino delle sostanze ingerite, precedentemente digerite dallo stomaco.


 Stampa   
 Preparazione Riduci

Le regioni caucasiche sono uno dei rarissimi posti al mondo dove gli abitanti vivono fino a raggiungere età molto avanzate, conservandosi in piena salute ed efficienza fisica. I vecchi e i saggi della regione affermano che il segreto di tanta longevità risieda nelle virtù miracolose di una bevanda, il Kefir. In effetti questa bevanda, molto simile per principi attivi allo yogurt, ha delle proprietà terapeutiche molto interessanti. Può essere infatti usato come antinfiammatorio naturale e come regolatore della digestione. Se anche tu vuoi verificare la veridicità di queste affermazioni e hai a disposizione un po' di fermenti Kefir, segui con attenzione la ricetta e i consigli che seguono. Lunga vita e prosperità!

Occorrente:

• 1 vaso di vetro, con tappo, di capacità 2 litri
• 1 colino (oppure 1 filtro di carta)
• 2 litri di acqua
• 2 fichi secchi naturali (coltivazione biologica)
• 1 limone naturale (coltivazione biologica)
• 6 cucchiai di fermenti Kefir
• 6 cucchiai di zucchero (anche di canna)

Tempi:

• Da 24 a 72 ore

I PASSO - Preparazione

  • Per la preparazione del prodotto bisogna disporre di un vaso di vetro munito di tappo, anch'esso in vetro, della capacità di circa 2 litri, riempito di acqua naturale o minerale naturale non gassata. Introduci i fermenti Kefir e poi via via tutti gli altri ingredienti nelle quantità sopra citate; l'ordine di introduzione non ha alcuna importanza.
  • Miscela accuratamente il tutto, ricopri il vaso appoggiando il tappo di vetro sul medesimo senza serrarlo, quindi riponi il tutto in un ambiente moderatamente riscaldato.
  • Mescola accuratamente la bevanda ogni 12 ore e lascia fermentare
    24-72 ore prima dell'uso. A fermentazione ultimata spremi bene il limone nel vaso di vetro, elimina i fichi e filtra la bevanda con colino metallico o filtro di carta direttamente in una bottiglia di vetro che prontamente riporrai in frigorifero.
  • Attenzione! Non tappare ermeticamente il contenitore di vetro, poiché il processo di fermentazione della bevanda sviluppa quantità significative di anidride carbonica. Un contenitore tappato ermeticamente potrebbe esplodere!
  • Conserva il Kefir d'acqua sempre e solo in frigorifero.

II PASSO - Riutilizzo dei fermenti

Lava accuratamente il vaso e risciacqua abbondantemente sotto acqua corrente i fermenti. Procedi alla preparazione di una nuova quantità di prodotto eliminando i fermenti in eccesso, questi saranno ancora utilizzabili come fertilizzante biologico per vegetali e fiori. I fermenti cessano di essere attivi anche se tenuti per breve tempo fuori dall'acqua.

III PASSO - Alcune informazioni utili

Per la preparazione del Kefir d'acqua usa possibilmente prodotti naturali ottenuti con coltivazione di tipo biologico, senza l'ausilio di anticrittogamici. Ricambia completamente (dopo alcuni mesi) i fermenti, poiché con l'uso continuativo dei medesimi si possono innescare fenomeni di mutazione all'interno delle colture. Il suo gusto è frizzante e dolce come mosto, leggermente alcolico e perfettamente digeribile. I fermenti attivi di Kefir possono essere acquistati presso erboristerie specializzate, oppure presso importatori di merci provenienti da Paesi dell'Est europeo o dell'ex Unione Sovietica.


 Stampa   
 Il consumo di Kefir d'acqua è un pericolo per la guida? Riduci

Il kefir d'acqua è una bevanda limpida, dolce, carbonata e alcolica. In naturopatia, gli effetti positivi su disturbi come diarrea, attacchi cardiaci, ulcere gastrointestinali e anche eczema sono attribuiti al kefir d'acqua. D'altro canto questi effetti positivi non sono stati confermati in modo decisivo da esperimenti.
Normalmente, tutte queste proprietà benefiche per la salute possono essere divulgate solo in accordo alle vigenti leggi in tema di alimentazione. Ma siccome il kefir d'acqua non è disponibile sul commercio non è nemmeno sottoposto ai controlli di qualità. Per questa ragione l'igiene è davvero importante quando si maneggiano questi funghi. Dopo l'uso il kefir deve essere lavato accuratamente. Se non vi è sviluppo di acido carbonico entro 15-30 minuti dalla preparazione, il kefir d'acqua non potrà più essere utilizzato. A causa del pericolo di esplosioni, il vaso non dovrà essere coperto durante la fermentazione. La normale preparazione prevede 2 litri d'acqua, 6 cucchiai di funghi di kefir (circa 120 grammi), 150 grammi di zucchero, 2 fichi secchi e 1 limone. Dopo due giorni a temperatura ambiente, il preparato può essere separato dal kefir. Il suo massimo contenuto di alcool (38 grammi per litro) è simile a quello della birra: 40 grammi di alcool per litro equivalgono al 5% vol. In pratica, questa percentuale non può essere raggiunta prima dei 7-10 giorni. In uno studio dei kefir d'acqua di differenti origini, sono stati misurati dopo due giorni percentuali di alcool solo da 2,7 a 15,9 grammi/Litro (0,3-2,0% vol.). Il tasso alcolico prodotto dipende dalla temperatura, la quantità di funghi e le condizioni di reazione (aerobico o anaerobico). Quindi il tasso alcolico trovato in questo studio varia. Sotto condizioni anaerobiche, il kefir produce più alcool e diossido di carbonio rispetto alla fermentazione aerobica. In quest'ultimo caso i tassi di alcool e diossido di carbonio diminuiscono, ma c'è il vantaggio della crescita dei funghi (effetto Pasteur). Aumentando la quantità di zucchero nella preparazione, l'alcool totale può essere aumentato.


 Stampa   
Cerca nel sito  Cerca nel sito Riduci

Inserisci qui il testo


  
 Statistiche Riduci

Statistiche

  
Fermenti di kefir d
I fermenti di Kefir d'acqua.
 Composizione Riduci

Il Kefir è sostanzialmente composto da:
  • Lattobacilli bulgarici
  • Streptococchi termofili
  • Lieviti
  • Propion-batteri
  • Enzimi
  • Anidride carbonica
  • Alcool (massimo 7 gradi)
  • Vitamine (C, PP e gruppo B)
  • Zuccheri
  • Acqua

 Stampa   
Kefir
Il kefir d'acqua
Dichiarazione per la Privacy | Condizioni d'Uso
Home |  L'associazione |  Attività |  Iniziative |  Kefir |  Iscrizioni |  NEWS
Copyright (c) 2000-2007 L'Arca Associazione di Solidarietà Sociale